sabato 31 agosto 2013

Farne Islands

Le Farne Islands sono un gruppo di quasi 30 isolette
che a seconda delle maree riaffiorano,
si trovano a 2/3 miglia al largo della costa del Northumberland e
si possono raggiungere con imbarcazioni che partono dal piccolo
villaggio di pescatori di Seahouse.
 


Inner Farne è la più grande e la più vicina alla terra ferma,
si vede ad occhio nudo dal porto
ed è un incanto.
Oltre al suo bellissimo faro bianco c'è una piccola cappella
dove St. Cuthbert visse come eremita fino al 687 d.c..
 


Dal porto un via vai di imbarcazioni di tutti i generi ogni 15 minuti stracolme di turisti
mi mettono ansia e dopo una lunga osservazione decido di rinunciare all'escursione
e ripiego per una passeggiata lungo la chilometrica spiaggia,
ma il mio sguardo è fisso là verso quelle isole e quei fari.
 



Ad un certo punto mia sorella esordisce con:
"te ne pentirai per il resto della vita di non esserci andata".
La mia ansia è dovuta al fatto di non saper nuotare
 e portare i miei figli su una bagnarola 
tipo sbarco a Lampedusa
mi terrorizza.
Io rispondo a questa provocazione con:
"ci penserò, tanto stiamo in zona per altri 4 giorni".
 
Torniamo verso il porticciolo e prontamente i miei compagni di viaggio
mi sommergono di volantini sui vari tour,
prezzi e compagnie.
 
Nemmeno a dirlo il giorno successivo alle 14.30
puntuali siamo di nuovo al porto di Seahouse,
pronti per partire con la bagnarola di George,
che poi scoprirò essere il guardiano del faro di Longstone.
 



George è un ottimo cicerone,
ci descrive ogni aneddoto della storia di queste isole,
da St. Cuthbert, che visse qui in solitudine,
all'eroina Grace Darling (aspettate il prossimo post)
 


Durante la navigazione è d'obbligo rimanere seduti,
quindi non è facile fotografare questo paradiso.

Passiamo vicini a Brownsman, l'isola non è accessibile al pubblico
perché è un'importante riserva ornitologica.
Il piccolo cottage fu la casa di Grace Darling e della sua famiglia prima di trasferirsi a Longstone.
George al ritorno ci passerà molto, molto vicino.
 
Ben presto George però ci porta fin sotto le alte scogliere di Staple Island,
famosa per i suoi pinnacoli, colonne verticali di roccia
invase da migliaia di nidi,
siamo così vicinio da poter vedere i piccoli all'interno.
La puzza del guano è nauseante,
ma lo spettacolo è tale da non farci nemmeno caso.
 
 



Dobbiamo fermarci qualche minuto
 per far uscire dall'insenatura l'imbarcazione che ci precede
e George ci fa un lungo elenco degli uccelli che nidificano su queste isole,
ci sono più di 10.000 coppie :
una moltitudine di specie di gabbiani, cormorani, sterne artiche, sule,
gazze marine, Herring Gull, Razorbill, e molti altri di cui non capisco il nome.



ma io sono venuta fin qui per due cose i fari e i puffins,
ed eccomi accontentata,
i pulcinella di mare sono dei buffi e timidi uccelli
dal becco e dalle zampe arancioni,
questa loro aria triste  mi ha sempre conquistata,
appena l'imbarcazione si avvicina,
a differenza degli altri uccelli, loro scappano.
Dai loro becchi scendono piccoli fili d'argento,
sono piccoli pesci che hanno pescato per nutrire i loro piccoli.
 




I puffins non fanno il nido,
ma costruiscono delle vere e proprie tane,
come fossero dei conigli,
lunghe da 70 cm fino ai 2 metri,
tengono così al riparo dagli uccelli predatori i loro piccoli.
Depongono 1 o 2 uova,
ma ne fanno nascere una solo.



Girato l'angolo ecco una visione celestiale,
Longstone e il suo faro,
 George ci annuncia:
"Siete pronti per visitare il mio faro"
 


accostiamo e uno ad uno scendiamo dalla barca e ci avviciniamo alla porta d'ingresso,
George scende per ultimo con due grandi borse di plastica piene di merluzzi,
ben presto capiamo per chi sono,
le foche lo stanno aspettando
 

 
Apre la porta del faro e ci infiliamo dentro,
George per ultimo richiude la porta a chiave dietro di noi,
l'odore di gasolio e il forte rumore del generatore di corrente non disturba la nostra salita.
Lui arriva in cima (il faro è alto 23 metri) fresco come una rosa,
noi ansimanti e sudati fradici.
Ci sono intorno ai 40 gradi,
le vetrate sono incandescenti,
il faro è sempre acceso, giorno e notte,
emette una luce lampeggiante ogni 20 secondi.
George ci spiega che la maggior parte dei fari inglesi sono ormai automatizzati,
tutto viene 'comandato' da una centrale che si trova nell'Essex,
centinaia di chilometri più a sud,
ormai il ruolo del guardiano consiste solo nella manutenzione.
Lui è il guardiano di tutti e 3 i fari della zona,
Longstone, Inner Farne e Bamburgh.
 


la vista dall'alto è inebriante,
non so se sia per il caldo o per le vertigini
ma mi sembra di essere affetta dalla sindrome di Stendhal
 


La mezz'ora di visita consentita è trascorsa in fretta,
si deve scendere,
un ultimo sguardo a questo grandioso faro e poi tutti di nuovo a bordo.



Le 65 persone a bordo e i 5 cani lasciando l'isola sono stranamente silenziosi,
forse come me ne sentono già la mancanza
 




la navigazione continua,
George cerca di portarci più vicino possibile alla colonia di foche grigie,
ma l'alta marea le ha fatte tutte allontanare in mare aperto,
sono qualcuna si sta ancora abbronzando su qualche scoglio ancora emerso,
tra qualche mese in queste acque ne arriveranno circa 6000.
 





Visto che per George e la sua barca questa è l'ultima escursione della giornata,
al rientro ci fa un bellissimo regalo,
ripassa per la Staple Island
per ammirare sui suoi pinnacoli altri nidi
 





Si sbarca a Seahouse,
la tachicardia persiste
tuffiamoci in uno dei tanti fish and chips
e ripensiamo a quest'avventura.
 
Solo nel riguardare le foto mi rendo conto che l'ho fatto davvero,
aveva ragione Zia Pao .... me ne sarei pentita per tutta la vita,
ma ora posso dire: "Io qui ci sono stata".
 
Alla prossima
Angela
 


34 commenti:

  1. Sono incantata dalla bellezza delle tue foto,stai facendo un viaggio meraviglioso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sara,
      non sono le foto belle, tutto il merito è dei paesaggi meravigliosi.
      Angela

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Passo sempre dal tuo blog e lascio anche qualche commento carino in ciò che pubblichi ma ho notato che nessuno di essi viene pubblicato, questo mi dispiace molto....
    Anche questi luoghi sono magnifici e so che vederli dal vero riempie il cuore.
    Buon fine settimana.
    Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Morena,
      io i tuoi commenti li vedo e li leggo sempre
      e sono lusingata che tu passi da me.
      Credo sia un problema di computer.
      Mi spiace per l'accaduto.
      Angela

      Elimina
  4. Grazie Angela per queste belle immagini!
    Hai fatto bene a ripensarci e visitare questa meravigliosa isola...io non potrei, soffro troppo il mal di mare, purtroppo!
    Un abbraccio, *Maristella*.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maristella,
      anch'io non sono messa tanto bene con il mal di mare,
      ma era calma piatta quel pomeriggio.
      Angela

      Elimina
  5. sono delle isole bellissime peccato cosi lontane da me

    RispondiElimina
  6. C'erano due americani vestiti di bianco, due tedeschi in blu e due italiani in verde...
    ricordi?
    Ora le mie vacanze si sono "imborghesite" ma il P.E.T. '82 rimarrà unica
    ciao Angela, grazie per le belle immagini
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Marco,
      il P.E.T. era 1992 (errore di battitura presumo),
      poi le ricordo che l'Irlanda è di mia proprietà.
      ;-)
      Grazie e buon fine settimana
      Angela

      Elimina
    2. certo, P.E.T. '92
      ricordo anche la spartizione dei territori !
      buon fine settimana anche a te

      Elimina
  7. Grazie Angela, per avermi dato la possibilità di ammirare posti straordinari che adoro!!!
    Purtroppo per una "situazione" molto particolare in famiglia non posso allontanarmi,ma grazie al tuo "servizio" e come se fossi stata li.
    Grazie,grazie infinitamente grazie
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nadia,
      grazie per le bellissime parole,
      aspetta qualche giorno e sarai ancora in viaggio con me.
      Un abbraccio
      Angela

      Elimina
  8. Che bello Angela che tu abbia vinto la tua ritrosia nell'affrontare il viaggio: non avremmo potuto godere di questo tuo bellissimo reportage!
    Riflettevo anche sui "5 cani" a bordo della scialuppa.... :)
    Un saluto, buon inizio di settembre
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli inglesi portano i cani ovunque,
      in questo caso erano ammessi perché in 4 ore di navigazione
      avevamo la sosta al faro.
      In altri itinerari non erano ammessi.
      Sono avanti.
      Angela

      Elimina
  9. MI ci sono tuffata in questo post!!! Mi pareva di essere li vicino a te...che spettacolo, che meraviglia!!!! Anche stavolta hai fatto un viaggio stupendo!!!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia,
      sei contenta del post che ho fatto?
      Eccoti i fari e sono solo i primi.
      A presto
      Angela

      Elimina
  10. Hai fatto bene Angela, in questo dò ragione a tua sorella. Sai che mio nonno paterno non sapeva nuotare ed era imbarcato nella Marina Militare e per mestiere ha fatto il pescatore? Che luoghi meravigliosi, io adoro poi i fari e tu hai potuto anche visitarlo. Splendida gita, splendide foto, splendidi luoghi! Grazie mille per aver condiviso tutto questo incanto con noi. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola,
      grazie a te per passare sempre di qua e per le belle parole.
      Angela

      Elimina
  11. Angela,grazie davvero per questo viaggio reale per te che hai fatto diventare virtuale ma magico anche per noi!!!
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lieta,
      quest'anno la nostra vacanza è stata come un sogno e volevo condividerla con voi.
      Grazie di cuore
      Angela

      Elimina
  12. Ciao Angela, che bel viaggio hai fatto e quanto sei stata coraggiosa!
    grazie di avermi fatto visitare queste isole... altro posticino dove dovrò andare...
    per oggi, visto che mi hai fatto venir la voglia, patatine e bastoncini di pesce!
    un abbraccio Za

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Za,
      segna questo luogo nel taccuino di viaggio, ti assicuro che ne rimarrai incantata.
      Angela

      Elimina
  13. Risposte
    1. Hai ragione è proprio una meraviglia questo luogo.
      Angela

      Elimina
  14. Che incanto! Queste foto sono magiche! Se ti va passa da me e partecipa al Link Party "Back to Autumn" su Fragola e Cannella
    Ti aspetto con piacere!
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nina,
      grazie di essere passata da me, ora vado a contraccambiare.
      A presto
      Angela

      Elimina
  15. Bellissimo reportage e belle foto. Sei grande
    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
  16. Bello, bello, bello!! Ne sono rimasta affascinata!! Tanto da farci un pensierino. Mi hai rapita, entusiasmata, commossa!!
    Bel viaggio.
    Buona giornata
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angie,
      ti auguro di poter vedere con i tuoi occhi questa meraviglia al più presto.
      Angela

      Elimina
  17. Certo che il fascino dell'isola è impagabile...sarà il fatto di sapere che si è sospesi in mezzo al mare, sarà che lo sguardo si perde dovunque senza fine,non lo so cos'è, ma so che io quando sarà il momento, passerò gli anni della mia vecchiaia su un'isola...è il mio obiettivo di vita..:)...sono a Lampedusa adesso, ma se penso che sabato torno sulla terra ferma mi sento persa...vabbè...ci saranno i tuoi fantastici viaggi a consolarmi. Sei impagabile Angela...una festa per gli occhi e una eterna vacanza per il cuore. Grazie e un abbraccio. Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabriella,
      se devo essere sincere a me il mare non mi piace più di tanto perché lo associo a caos, ombrelloni, schiamazzi, invece qui regna la pace, la solitudine e questo è il mare che piace a me.
      Grazie per lo splendido commento
      Angela

      Elimina

Grazie infinite per il tuo commento

Ho trovato il mio albero

Il Faggio. Veniva considerato con grande rispetto un tramite tra gli uomini e gli dèi, circondato da aura divina, e Macrobio riferisce che...