sabato 5 gennaio 2013

PANEVIN

La notte del 5 Gennaio,
le oscure pianure venete e friulane si accendono dei mille falò del Panevin,
antico rito contadino arcaico legato, appunto, alle celebrazioni solstiziali pre-cristiane.
Il nome della festa è una parola che, scomposta, parla di pane e vino,
cioè di sostentamento e, dunque, di benessere dichiarando il carattere augurante
ma anche esorcizzante del rito.
Questa festa dei fuochi interessa le ’terre basse’ attraversate da fiumi storici come il Piave,
il Livenza, il Tagliamento; e sulle colline venete e sui monti del vicino Friuli.
Lungo questo tragitto, splendono falò costituiti da grandi, a volte gigantesche pire,
fatte da sterpaglia, rimasugli delle potature, tralci di vite, fascine di rovi ecc.
In cima alla pira è sistemato un pupazzo grottesco, la Befana chiamata "Maràntega".

Tutta la festa è fortemente simbolica: il fantoccio della Maràntega rappresenta
tutte le cose dalle quali liberarsi, come la miseria e le malattie, la carestia e la siccità ecc.,
che finiscono nel sacco del passato.
Così le faville rosse del falò e le volute del fumo caldo sono simbolo dell’avvenire gonfio di speranze e aspettative e così la tradizione vuole che questa sia una notte di presagi e di vaticini.
Un aruspice osserva e legge nelle faville danzanti nel vento o nelle gravide volute di fumo il futuro della comunità stretta intorno al falò, in attesa di sentire annunciare prosperità e benevolenza da parte della Madre Terra per l’anno che verrà e che si ridesterà in tutto il suo fulgore in primavera.
Una volta annunciato l’ultimo auspicio regina della festa sarà la ’pinsa’, un dolce casalingo, un tempo molto rustico ma evolutosi nei secoli.

Quest'anno anche mio marito ha fatto il nostro PANEVIN personale,
forse era sua intenzione farmi fare la fine della 'Marantega',
ma anche quest'anno ne sono uscita indenne.





In città se ne accenderanno più di 80 questa sera,
adesso usciamo perchè almeno un paio vogliamo andare a vederli.
Alla prossima
Angela

PS: buona Befana a tutte le amiche!!!

13 commenti:

  1. Ti è andata bene anche quest' anno, eh!!!??? Qui c'è un odore di pan e Vin ed un nebbione da fumo che nn ti dico!!!
    Cinzia

    RispondiElimina
  2. che belle le antiche tradizioni,questa mi sembra molto suggestiva,non la conoscevo ovviamente non essendo di quelle parti! grazie per averla condivisa
    un abbraccio
    Giovanna

    RispondiElimina
  3. Ciao Angela,bella questa tradizione!
    Da noi invece ci sono solo le classiche befane,,,che cantano a iosa i loro ritornelli!
    Buona Epifania!
    Lieta

    RispondiElimina
  4. Che bei ricordi!Aspettavamo con ansia la sera del 5 quando eravamo bimbe,il papà ci preparava la scopina da bruciare e si cantava felici..

    RispondiElimina
  5. E' una bellissima tradizione quella che racconti, ne è stato fatto uno anche davanti casa mia...io non posso uscire a vederlo, soffro d'asma e l'esalazione dei fumi mi fa stare male, ricordo però quando non avevo questo problema e portavo i miei figli a godere di questo spettacolo, è bello tenere alte le tradizioni! Buona Epifania e felice 2013! Magu

    RispondiElimina
  6. ma che bella tradizione, non ne conoscevo l'esistenza!!
    grazie
    gloria

    RispondiElimina
  7. ...passando a trovare le amiche oggi sto imparando un sacco di tradizioni, è molto bello vedere come ogni paese abbia usanze differenti, grazie per il tuo racconto
    Elena

    RispondiElimina
  8. ma guarda quante tradizioni si imparano leggendo qua e là sui blog :D anche io avrei dovuto fare il mio falò per liberarmi di un po' di cosette... mi organizzerò per il prossimo anno!!!

    RispondiElimina
  9. Grande angela questa è una festa pagana è bello che queste tradizioni si siano tramandate fino adesso, mai dimenticare il legame con la natura!! Buona befana anche se un bel po' in ritardo :)

    RispondiElimina
  10. Ciao, fantastico blog, mi sono iscritta. Vieni a trovarmi nei miei?
    http://womanandloves.blogspot.it/ ----- http://unangolodimondo1.blogspot.it/
    -----> TI ASPETTO !!!

    RispondiElimina
  11. Ciao, sono arrivata qua girando tra i blog, molto interessante questo post..mi piace scoprire luoghi e tradizioni! A presto!!
    Carmen

    RispondiElimina
  12. Bella tradizione. Buon Anno!!!

    RispondiElimina
  13. I know this web page gives quality depending articles and additional information, is there any
    other web page which offers these stuff in quality?
    Also visit my site :: convert centimeters

    RispondiElimina

Grazie infinite per il tuo commento

Ho trovato il mio albero

Il Faggio. Veniva considerato con grande rispetto un tramite tra gli uomini e gli dèi, circondato da aura divina, e Macrobio riferisce che...